I lumetti Rapallini

lumini2

I LUMETTI

 

 

Già Agostino Molfino parla dei lumini galleggianti posti nello specchio acqueo, la cui invenzione è attribuita dal canonico Stefano Cuneo ad un anonimo sacerdote. Il metodo e gli ingredienti per la loro fabbricazione furono (e sono tutt’oggi) gelosamente custoditi e costituirono per gli spettatori un suggestivo mistero. Davide Bertolotti, autore nel 1834, di “Viaggio nella Liguria marittima” li descrive come “tuniche di cipolle o cortecce”; nel 1861 il Padre Antonio Bresciani, nel suo romanzo “Il Zuavo pontificio” afferma che si tratta di “vassoi, nicchi di mare o conchiglie piene d’olio”.

In realtà i lumetti rapallini sono confezionati a mano, ripiegando rettangoli di carta colorata, ripiegata a mo’ di barchetta, al cui interno è colato grasso fuso e cera che arde grazie ad uno stoppino, posto nel centro, che si accende al momento della posa in mare. Oggi la tradizione sopravvive grazie al merito di poche famiglie e di alcuni appassionati, che le hanno affiancate. Per i festeggiamenti del 1939, secondo centenario della proclamazione della Madonna a Patrona del Capitaneato rapallese, furono posti in mare ben settemila lumetti.

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "permettere cookie" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi